Come tutti, anche noi che abbiamo ideato e organizzato l'Associazione Hut 8 Progettare l'Invisibile viviamo nel punto di divisione tra passato e futuro.

Questo punto - come ebbe a dire il fisico e filosofo Giuliano Toraldo di Francia - si sposta

e ci trasporta inesorabilmente con sé.

Non si sfugge. Questa è la natura umana; forse è la sua essenza più profonda, più misteriosa. 

Si è assaliti dallo stupore quando si considera che non aspiriamo ad altro che all'avvenire, che siamo costruttori di avvenire, e intanto conosciamo solo il passato.

Scrisse mirabilmente Paul Valery: "Andiamo avanti, guardando all'indietro". 

Anche noi di HUT 8 possiamo solo fare questo perché non potremo mai impedire a noi stessi

uno di quegli errori che ora riconosciamo aver commesso nel nostro passato.

Abbiamo cambiato sede e ora ci potete trovare in via Locri 42 - Roma

LE RAGIONI DI UNA SCELTA
Genius Loci
leggi

Hut 8 Progettare l'Invisibile è un centro di cultura di impresa: professionisti, donne e uomini di formazione umanistica e tecnologica, manager e imprenditori vi si incontrano per confrontare problemi, trovare risposte, fare dell'esperienza un patrimonio su cui costruire nuovi paradigmi e soluzioni operative. Hut 8 è il luogo dove si sperimentano le soluzioni che solo l'ibrido fra cultura tecnica ed umanistica, specializzazione e visione complessa, innovazione e tradizione culturale, sapienza e abilità nel fare, compenetrandosi, sa offrire. 
Hut 8 si prefigge di dare vita a risposte intelligenti alle continue domande che la crescente consapevolezza dei grandi problemi connessi ai tumultuosi cambiamenti in essere, impone. Lo facciamo in sicurezza e per contribuire alla sicurezza della nostra Comunità.

 

Ci interessiamo di:
Politica della Difesa • Sicurezza Interna dello Stato e Ordine Pubblico • Sicurezza Economica - Finanziaria • Sicurezza Energetica • Cyber - Security • Protezione delle Infrastrutture Critiche • Ricerca Scientifica e Tecnologica • Sicurezza Ambientale • Sicurezza Sanitaria.

 
Hut 8 sta per "Baracca 8" dove, durante la Seconda guerra mondiale, un gruppo di scienziati mise a punto, guidati dal grande matematico/informatico Alan Mathison Turing, strategie e soluzioni tecnologiche per decriptare i messaggi cifrati della Germania nazionalsocialista. Scegliendo questo nome e questo numero, abbiamo voluto offrire omaggio ad Alan Mathison Turing.


Alan Mathison Turing (Londra, 23 giugno 1912 – Wilmslow, 7 giugno 1954) è stato un matematico, logico e crittografo britannico, considerato uno dei padri dell'informatica. Certamente uno dei più grandi matematici del XX secolo. Il suo lavoro ebbe vasta influenza sullo sviluppo dell'informatica, grazie alla sua formalizzazione dei concetti di algoritmo e calcolo mediante la macchina di Turing, che, a sua volta, ha svolto un ruolo significativo nella creazione del moderno computer. Per questi contributi Turing è solitamente considerato uno dei padri dell'intelligenza artificiale, da lui teorizzata già negli anni trenta. Fu anche uno dei più brillanti crittoanalisti che operavano in Inghilterra, durante la seconda guerra mondiale, per decifrare i messaggi scambiati da diplomatici e militari delle Potenze dell'Asse. Turing lavorò infatti a Bletchley Park, il principale centro di crittoanalisi del Regno Unito, dove ideò una serie di tecniche per violare i cifrari tedeschi, incluso il metodo della Bomba, una macchina elettromeccanica in grado di decodificare codici creati mediante la macchina Enigma. Morì suicida a soli 41 anni, in seguito alle persecuzioni subite da parte delle autorità britanniche a causa della sua omosessualità.

 
 
 

LA MACCHINA DEL TEMPO

 

LA RETE DELLE RETI

CONTATTI

Via Locri, 42/44 00183 Roma

  INFO@HUT8.ORG

P.IVA: 14317291004 | CF: 97913690588 | IBAN: IT 63V0760103200001035705191

 

© 2017 HUT8 Progettare l'Invisibile

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Vimeo Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey Instagram Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now